L’estate è un libro. Tanti libri.

IMG_20110731_120743

 

Quest’estate mattacchiona con i suoi sbalzi umorali ce la ricorderemo anche fra dieci anni.  Son passati undici anni, ma non scordato l’estate del 2003 con i 35°gradi fissi, giorno e notte, per tre mesi di fila. Credo che nessuno l’abbia dimenticata.  Però, non ricordo un solo avvenimento italiano o mondiale, legato a quell’anno. Ricordo solo che ad un certo punto erano finite le scorte di ventilatori e climatizzatori.

Quest’anno invece ci sono troppi avvenimenti difficili da scordare. I morti della  guerra in Terra Santa, Siria, Israele e Palestina, l’aereo civile abbattuto in Ucraina, le stragi ripetute di migranti, la nave Concordia che finalmente va via dall’Isola del Giglio, la lunga gestazione per avere una nuova forma del parlamento. Insomma, chi più ne ha più ne me metta. Non si ha un giorno di tregua. I toni e le tinte di quest’estate sembrano sempre grigie, talvolta addirittura nere.

Per non annegare in questo mare di pessimismo io leggo. Letto o rileggo, stranamente , non romanzi che mi fanno evadere, non polizieschi o thriller, visto che la cronaca abbonda di casi insoluti. Preferisco i libri d’incoraggiamento, come li chiamo io. Libri che analizzano la situazione e che mi dicono che non tutto è perduto, mi fanno venire idee brillanti. Idee che non realizzerò  mai, ma che già il fatto che mi siano venute in mente è una gran cosa. Il cervello funziona, la creatività c’è ancora. Qualcosa di diverso si può fare e forse lo realizzerò.

Ho riletto, questa volta con calma, il libro La vita è un viaggio di Beppe Severgnini. Un giornalista che amo molto per la sua schiettezza, che osserva e scrive dei pregi e difetti di noi italiani, non dà soluzioni, però fa vedere come altri italiani sparsi per il mondo hanno trovato le risposte alle loro domande.

Di questo libro mi sono particolarmente piaciuti i capitoli dedicati all’insegnamento e alla resilienza. Nel primo mi ci sono ritrovata fino al collo. E’ vero che le nostre scuole sono quel che sono, ma che se mettiamo amore e convinzione nel nostro quotidiano operare, cambiamo la vita dei nostri alunni. Anche se abbiamo pochi mezzi. Ci siamo sempre noi con il nostro modo di essere e la nostra voce. Ci sono quei bambini. Ora, domani ce ne saranno altri. Noi li possiamo toccare e indirizzare quotidianamente. Li possiamo far volare o far cadere a terra. Bella responsabilità!

Il capitolo dedicato alla resilienza mi è caro perché mi sento molto resiliente. Ho capacità di rimbalzare, e di resistere agli urti. Questa dote, ha ragione Severgnini, è tipicamente italiana. Infatti, la noto anche in quelli che mi stanno attorno. Forse a volte siamo troppo resilienti. Diciamo: tanto resiste, tanto resiste, ma se poi non si prendono i giusti provvedimenti i muri crollano e qualcuno muore sotto le macerie. Bisogna essere resilienti sì, ma con giudizio.

 

 

25 maggio 2014. Una giornata straordinaria. Le elezioni europee

Domenica 25 maggio,nonostante il cielo non promettesse niente di buono, è stata una giornata straordinaria. Tre cose, apparentemente diverse, vissute nello stesso giorno tra l’altro niente che toccasse direttamente la mia vita personale, ma che mi hanno fatto emozionare e parecchie volte fino alle lacrime: 1) il pellegrinaggio di Papa Francesco in Terra Santa, 2) le elezioni europee 3) la vittoria di Aru al Giro d’Italia. 

 

2) le elezioni europee. Avevo scritto qui che sarei andata a votare con molta serenità e orgoglio. Temevo un po’ il risultato perché non mi piacciono coloro che urlano e basta. Ok, la prima volta, lo fai per farti sentire e conoscere, ma poi devi lavorare con quello che hai e quello che sei. Chi ora ci dice che siamo vecchi pensionati, non ha capito che lo scorso anno era il suo momento per fare con serietà quello che aveva promesso e che poteva fare. Certo non da solo, con altri, ma sicuramente avrebbe potuto realizzare molte cose. Ha perso il treno. Nel frattempo gli altri si sono organizzati e rinnovati, anche se non sempre pacificamente. Abbiamo seguito sempre più impauriti un giovane guascone visionario. Che in un anno ha rivoltato un partito e una nazione. Quando è diventato presidente del Consiglio in quel modo quasi barbaro di dare il benservito al suo predecessore, ricordo che ripetevo come un mantra o è un pazzo furioso o ha ragione.  Credo avesse ragione, primo perché sono letteralmente spariti alcuni dinosauri della politica italiana, qualcuno resiste ancora, ma ormai è questione di poco tempo,  e poi per il risultato clamoroso. Credevo che al televisore fosse partita la scheda grafica! Non potevo credere ai quei numeri. Numeri così spaventosi che il Giovane guascone si è intimidito e in conferenza stampa non pareva manco lui. Riflessivo e calmo. Non strafottente. Vorrei ben vedere! Chi non s’intimidisce di fronte al compito gravoso di far mandare avanti un partito, una nazione e l’Europa? Infatti fra un mese all’Italia spetterà di guidare l’Europa per sei mesi. Ci aspettano mesi di grandi cambiamenti anche a livello europeo, noi italiani giustamente critichiamo l’Italia, ma anche gli altri non è che siano poi messi meglio. Certi risultati francesi e inglesi devono far riflettere chi ha guidato fino ad ora l’Europa .

Altra cosa molto importante  e bella è che la Sardegna sarà rappresentata in Europa da ben tre sardi: Renato Soru PD, Salvatore Cicu FI, Giulia Moi M5s. Anche questo risultato è a dir poco clamoroso.

Tutto fa pensare al meglio e induce all’ottimismo. Speriamo bene per tutti.

25 maggio 2014. Una giornata straordinaria. Il Papa in Terra Santa

Domenica 25 maggio,nonostante il cielo non promettesse niente di buono, è stata una giornata straordinaria. Tre cose, apparentemente diverse, vissute nello stesso giorno tra l’altro niente che toccasse direttamente la mia vita personale, ma che mi hanno fatto emozionare e parecchie volte fino alle lacrime: 1) il pellegrinaggio di Papa Francesco in Terra Santa, 2) le elezioni europee 3) la vittoria di Aru al Giro d’Italia. 

1) Il pellegrinaggio di Papa Francesco in Terra Santa. Ho seguito quasi tutti i suoi passi, la tv sempre accesa, così se anche ero di passaggio potevo vedere cosa succedeva laggiù. Ho avuto la grazia  di andare in Terra Santa nel 1997, ricordo ancora l’immensa emozione che mi ha accompagnato per sei giorni. Un’unica emozione che è iniziata quando sono partita, talmente intensa che credevo di non provare niente. Quando sono rientrata a casa e man mano scendeva il livello ho capito che non è che non provassi emozioni, ero tutta un’emozione! Sembrerà strano il Papa c’era stato solo un’altra volta ed era dovuto andar via dopo due giorni per motivi di sicurezza. Ci è tornato da Papa con le telecamere sempre addosso che avrebbero voluto riprendergli anche l’anima. Ci ha chiesto di accompagnarlo con la preghiera e così ho fatto. Quel Pezzo di Terra, tre volte santa, racchiude la ragione di tanti conflitti mondiali. Tre confessioni religiose che si contendono ogni pietra di quel luogo santo, invece di metterle a disposizione di tutti! Il Papa con il suo carisma e la creatività ha fatto intravvedere che con la buona volontà da parte di tutti si può arrivare alla pace.

Tre immagini che porto nel cuore20140526-091913-33553948.jpg

Un’ immagine forte. Il Papa che prega davanti al muro che separa i territori israeliani da quelli palestinesi. Ci riporta alla sofferenza di chi l’ha costruito e a quella di chi lo subisce.

PAPAFRANC.BARTOLOMEO.SANTOSEPOLCRO

Papa Francesco e Bartolomeo, Patriarca di Costantinopoli, si inginocchiano e pregano insieme nel sepolcro, luogo della resurrezione di Cristo. Quanti secoli e passi prima di arrivare a questa foto! Che sia un nuovo inizio, che non ci facciano aspettare altri 50 anni. Che trovino il modo per farci festeggiare la Pasqua nello stesso giorno, magari insieme!

Il Papa , in visita al memoriale  Yad Vashem di Gerusalemme, incontra ultimi sei sopravvissuti ai campi di concentramento che vivono in Israele. Bacia le mani di tutti.

Ricordo ancora lo sgomento provato di fronte ai cumuli di scarpe, agli oggetti appartenuti ai piccoli internati, e quei nomi scanditi senza soluzione di continuità durante tutta visita al memoriale. Che orrore!

Le parole del Papa:

“Adamo, dove sei?”. “Dove sei, uomo? Dove sei finito? In questo luogo, memoriale della Shoah, sentiamo risuonare questa domanda di Dio: ‘Adamo, dove sei?’. In questa domanda c’è tutto il dolore del Padre che ha perso il figlio. Il Padre conosceva il rischio della libertà; sapeva che il figlio avrebbe potuto perdersi ma forse nemmeno il Padre poteva immaginare una tale caduta, un tale abisso! Quel grido: ‘Dove sei?’, qui, di fronte alla tragedia incommensurabile dell’Olocausto, risuona come una voce che si perde in un abisso senza fondo.

 “Uomo, chi sei? Non ti riconosco più. Chi sei, uomo? Chi sei diventato? Di quale orrore sei stato capace? Che cosa ti ha fatto cadere così in basso? Non è la polvere del suolo, da cui sei tratto. La polvere del suolo è cosa buona, opera delle mie mani. Non è l’alito di vita che ho soffiato nelle tue narici. Quel soffio viene da me, è cosa molto buona. No, questo abisso non può essere solo opera tua, delle tue mani, del tuo cuore… Chi ti ha corrotto? Chi ti ha sfigurato? Chi ti ha contagiato la presunzione di impadronirti del bene e del male? Chi ti ha convinto che eri dio? Non solo hai torturato e ucciso i tuoi fratelli, ma li hai offerti in sacrificio a te stesso, perché ti sei eretto a dio. Oggi torniamo ad ascoltare qui la voce di Dio: ‘Adamo, dove sei?’. Dal suolo si leva un gemito sommesso: Pietà di noi, Signore! A te, Signore nostro Dio, la giustizia, a noi il disonore sul volto, la vergogna. Ci è venuto addosso un male quale mai era avvenuto sotto la volta del cielo. Ora, Signore, ascolta la nostra preghiera, ascolta la nostra supplica, salvaci per la tua misericordia. Salvaci da questa mostruosità. Signore onnipotente, un’anima nell’angoscia grida verso di te. Ascolta, Signore, abbi pietà! Abbiamo peccato contro di te. Tu regni per sempre. Ricordati di noi nella tua misericordia. Dacci la grazia di vergognarci di ciò che, come uomini, siamo stati capaci di fare, di vergognarci di questa massima idolatria, di aver disprezzato e distrutto la nostra carne, quella che tu impastasti dal fango, quella che tu vivificasti col tuo alito di vita. Mai più, Signore, mai più! ‘Adamo, dove sei?’. Eccoci, Signore, con la vergogna di ciò che l’uomo, creato a tua immagine e somiglianza, è stato capace di fare. Ricordati di noi nella tua misericordia”.

 

 

 

Kefir di latte e altro ancor

E’ passata una settimana dall’ultimo post. Son successe tante cose e non ho potuto scrivere perché ogni sera mi vengono degli attacchi di cervicalgia, appena mi siedo al pc cominciano la nausea e i dolori vari. Se insisto troppo mi riduco come una larva e arrivo a letto a carponi. Vediamo quanto duro oggi.

kefir
kefir, bacche di goji e cereali

Innanzitutto festeggiamo: i fermenti di kefir non solo sono vivi e sani, ma anche  più che raddoppiati. E’ un successo, stamane sono pure riuscita a colare il siero e quindi il latte che ho ottenuto era dolcissimo e anche più consistente: direi yogurt. Leggo i vari blog e siti che ho trovato con google. Mi sembra di essere sulla strada giusta. Ho prima usato un latte parzialmente scremato, poi sono passata al latte intero, ma tornerò al primo. La quantità del kefir non è tanta, ma comunque non intendo produrne quantità industriali, solo per un uso modico giornaliero, non più di 300 cl al giorno. Voglio che diventi un’abitudine e che le operazioni diventino routine. Lo colo e lo utilizzo per colazione, dal produttore al consumatore! Io! km sottozero e tanti benefici.

Gemme di callistemo.

Gemme di callistemo.
Bulbi di non mi ricordo più cosa. Bisogna aspettare che fioriscano!
Bulbi di non mi ricordo più cosa. Bisogna aspettare che fioriscano!
Bisogna trovare il tempo per estirpare le erbacce!
Bisogna trovare il tempo per estirpare le erbacce!

Per la prima volta da tre mesi a questa parte il riscaldamento lo abbiamo acceso alle 18! Dopo tanta pioggia abbiamo avuto due giorni senza ombrello, oggi addirittura si sudava. Sono i prodromi della primavera.  Già quando eravamo ancora sott’acqua avevo osservato le gemme dei rami degli alberi della scuola. Mi aveva fatto tanto bene, zitta zitta la natura stava lavorando per noi e io l’avevo benedetta, in silenzio pure io. Le giornate sono decisamente più lunghe e luminose fino a tardi! Alè.

Sono a casa fino a martedì: noi sardi votiamo per le regionali. So chi votare e farò un post in merito al più presto. Intanto mi godo la chiusura delle scuole, abbiamo avuto due settimane stressantissime. Una pausa ci vuole!

Vorrei scrivere tante altre cose, ma è meglio che mi fermi, prima di dover camminare a quattro zampe! Buona inizio di weekend

Austu

Ve lo dico subito: se aveste scommesso che avremmo finito d’imbiancare venerdì scorso avreste perso alla grande. Infatti non abbiamo finito ancora, ma è sicuro che finiremo domani.  Stiamo dedicandoci all’imbiancatura solo la mattina. Mylove la sera lavora in ufficio e io metto a posto.  Poi abbiamo preso tre giorni di pausa. Così ci stanchiamo di meno, anche se allunghiamo il cantiere. Ma ne avevamo bisogno

All’inizio eravamo molto inesperti, certe cose le capisci solo quando le fai e poi qualcuno ti dà una dritta e la situazione migliora molto. Abbiamo capito che sarebbe meglio non imbiancare tutta la casa ogni volta, ma ogni anno dedicarsi a una o due stanze. Così non ci si impiega tutto questo tempo di filato e la casa non è sempre sotto sopra.

Comunque a parte la stanchezza e il terrore che quest’incubo non finisca più, siamo molto soddisfatti.  Non abbiamo cambiato i colori: verde la zona notte ,  giallo la zona giorno e celeste i bagni, ma ho scelto dei colori più brillanti e accesi. Via i colori pastello, che mi piacciono sempre tanto, ma ho preferito cambiare. Anche questo è sintomo del cambiamento che è in corso dentro di me.

Buon inizio di mese a tutte.